Web Agency per la progettazione e realizzazione di E-commerce

Nell’ era digitale, realizzare un sito di commercio elettronico (e-commerce) rappresenta il primo passo per non rimanere ai margini del mercato di riferimento.

La nostra web agency fornisce assistenza per la progettazione e realizzazione di e-commerce per la vendita diretta di prodotti su internet.

Che cos’è un E-Commerce?

Il commercio elettronico o e-commerce è un termine che indica una qualsiasi tipo di attività o transazione commerciale, che comporta il trasferimento di informazioni attraverso Internet.
Il commercio elettronico interessa una vasta gamma di imprese e beni.
L’ e-commerce permette ai consumatori di scambiare elettronicamente beni e servizi senza barriere di tempo o distanza (24 ore su 24, 365 giorni giorni l’anno e da qualsiasi parte del mondo indifferentemente).

La differenza principale tra il commercio off-line e quello online è nel modo in cui le informazioni vengono scambiate e trattati.

Le informazioni nel commercio tradizionale vengono cosi trattate:

  • comunicazione tramite il faccia a faccia, le linee telefoniche, o sistemi di posta cartacea ed elettronica;
  • transazioni commerciali manuali;
  • individuo coinvolto in tutte le fasi di transazioni commerciali.

Le informazioni negli E-Commerce vengono trattate nel seguente modo:

  • utilizzo di Internet o altre tecnologie nella comunicazione;
  • transazioni commerciali automatizzate;
  • individuo coinvolto in tutte le fasi delle operazioni.

Modelli di business nel commercio eletronico

I modelli di business che si possono creare con un e-commerce, sono generalmente classificati in:

  • Business – to – Business (B2B): commercio elettronico tra aziende;
  • Business – to – Consumer (B2C): commercio elettronico tra aziende e consumatori;
  • Consumer – to – Consumer (C2C): commercio elettronico da consumatore a consumatore;
  • Consumer – a – Business (C2B): commercio elettronico tra consumatori ed aziende;
  • Business – to – Government (B2G): commercio elettronico tra aziende e enti governativi;
  • Government – to – Business (G2B): commercio elettronico tra enti governativi e aziende (siti di aste, gare d’appalto … e qualsiasi servizio/prodotto possa essere scambiato tra aziende e Stato);
  • Government – a – Cittadino (G2C): commercio elettronico tra enti governativi e cittadini (siti di aste di veicoli, macchinari, o qualsiasi altro materiale lo Stato intenda vendere direttamente ai cittadini).

Metodi di pagamento nel commercio elettronico

Le maggiori modalità di pagamento, nel commercio elettronico sono:

  • Carta di credito;
  • Carta di debito;
  • Smart Card;
  • E-Money;
  • Fondo di trasferimento elettronico (EFT).

Come, Quando e Perchè realizzare un sito di commercio elettronico

Come, Quando e Perchè Realizzare un sito di commercio elettronico? Rispondere correttamente a queste tre domande può determinare significare getare le basi il successo del tuo business online.

Come realizzare un E-Commerce

Ci sono diverse metodologie per realizzare un sito di commercio elettronico.

La prima è quella di csotruire un software ad hoc. Questa soluzione è forse la più costosa, ma permette una forte personalizzazione del sito di commercio elettronico.

Ci sono anche soluzioni più economiche. Si possono utilizzare i vari CMS che sono disponibili (gratuitamente e non) sul mercato. Tutti vanno personalizzati ed ottimizzati in base al server su cui vengono installati (per velocizzarne le prestazioni) ed in base alle specifiche SEO dei motori di ricerca (per migliorarne il posizionamento sulle SERP).

Analizziamone alcuni:

  • OsCommerce: CMS specifico per creare e gestire un E-Commerce di qualsiasi livello.
  • PrestaShop: è un CMS professionale per creare E-Commerce di alto livello.
  • WordPress: il miglior pluggin che permette a WordPress di gestire un e-commerce si chiama WooCommerce. Con questo pluggin si possono gestire negozi online con un numero limitato di prodotti.
  • Magento: è un CMS che nato per realizzare E-Commerce. Attualmente, insieme a Prestasho è l’e-commerce.
  • Joomla: il pluggin che trasforma Joomla in un e-commerce si chiama Virtuemart. Ha delle limitizazioni nella gestione di un numero elevato di prodotti.
  • Drupal: il pluggin che trasforma il CMS in un e-commerce si chiama Drupal Commerce. Limiti notevoli nel gestire un gran numero di prodotti.

Se devidete di utilizzare un CMS esistente per creare il vostro negozio online, scegliete in base a

Richiedici una consulenza gratuita … ti aiuteremo a scegliere il CMS che meglio si adatta al tuo e-commerce … qui

Quando realizzare un E-Commerce

Si deve prendere in considerazione la realizzazione un e-commerce quando c’è la possibilità di commercializzare un prodotto a prescindere dai confini geografici. E’ molto difficile vendere un bene altamentente deteriorabile.

Per vendere online, si deve essere in grado di spedire la merce.

Queste sono due caratteristiche che l’attività online  deve avere di base.

Perchè realizzare un E-Commerce

Il mercato dell’ e-Commerce nel mondo

La vendita on line di prodotti e servizi ha rappresentato nel 2015 il 7,4% del totale del mercato di vendita al dettaglio a livello globale: complessivamente 1.671 miliardi di dollari, oltre 350 miliardi di dollari in più del 2014. Entro il 2019, questo valore sarà più che raddoppiato per raggiungere i 3.578 miliardi di dollari, pur continuando a rappresentare solo una frazione (12,8%) degli acquisti al dettaglio totali.1

Per quanto riguarda il mercato B2B, si stima che il fatturato e-commerce mondiale raggiungerà i 6.700 miliardi di dollari entro il 2020.

Il mercato dell’ e-Commerce in Europa

Il valore dell’e-commerce in Europa è stimato essere 477 miliardi di dollari nel 2015 con Regno Unito, Germania e Francia che coprono circa due terzi del fatturato totale. Al settimo posto dopo Russia, Spagna e Olanda si posiziona l’Italia. Le vendite on line europee con il 7,3% sulle vendite al dettaglio superano, seppur di poco, il 7% statunitense, ma nel sud Europa a stento si arriva al 2%.2 Nel Regno Unito il fatturato dalla vendita on line di beni ha raggiunto i 60 miliardi di sterline nel 2015,3 confermando questo Paese come leader nel peso dell’on line sulle vendite al dettaglio:, con il 14,5% nel 2015 e 19,3% nel 2019. In forte crescita, sempre nel Regno Unito, è il mobile commerce, che oggi rappresenta un terzo delle vendite. Nel 2019 si prevede che arriverà a rappresentarne il 43,7%.

Dal 1 gennaio 2015 nella vendita di beni digitali e servizi all’interno della Comunità Europea si applica l’IVA del paese di provenienza del cliente. Per questo motivo società con base in Lussemburgo come ad esempio Skype non beneficeranno più delle tassazioni agevolate IVA. Per agevolare gli esercenti che ora devono gestire percentuali di IVA differenziate per ogni nazionalità dei clienti sono stati predisposti dei centri dedicati, come ad esempio il MOSS, costituito in Italia dall’Agenzia delle Entrate.

Per i beni fisici questa norma non è ancora operativa e quindi si evidenziano le forti differenze di IVA: in alcuni paesi come Malta o Cipro è al 18% mentre in altri come Svezia o Danimarca è al 25%: Questa differenza è ancora più marcata per alcune tipologie di beni, come i vestiti per bambini allo 0% in Gran Bretagna.

Il mercato dell’ e-Commerce in Italia

In Italia sono 16 mila le aziende che fanno commercio elettronico nel 2016 e arriveranno a 50 mila nel 2025. Un terzo di esse è localizzato in due regioni: Lombardia (3 mila) e Lazio (1.840). Seguono Campania, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e Toscana.4

Gli italiani che hanno accesso a internet (utenti unici attivi nel mese) sono 28,7 milioni, quasi un milione in più del 2015 quando erano 27,8 milioni, e rappresentano circa il 52% degli italiani dai 2 anni in su, collegati da tutti i dispositivi (desktop, smartphone e tablet). Circa 21,7 milioni di italiani accedono alla Rete nel giorno medio, navigando mediamente per due ore. Cresce l’accesso a internet da dispositivi mobili come smartphone e tablet, con circa 22,3 milioni di utenti attivi nel mese. Il 75,8% degli utenti on line, 21,8 milioni, ha visitato almeno un sito o applicazione dedicato all’e-commerce, dedicandovi in media 1 ora e 39 minuti.5

Il valore del fatturato dall’e-commerce è stimato in 28,8 miliardi di Euro nel 2015. Il fatturato delle vendite on line è cresciuto complessivamente del 19% rispetto al 2014. A generare questo fatturato è soprattutto la presenza già marcata, e in continua crescita, dei grandi player internazionali che si stanno posizionando anche in nuovi settori come alimentare e moda.

Il 2015 è stato un anno importante per l’e-commerce alimentare in Italia, che inizia lentamente a colmare il divario con gli altri Paesi europei. Questo grazie alla crescita dei player locali, ma soprattutto all’arrivo di player internazionali che sono entrati sul mercato attraverso progressive acquisizioni. Just Eat ad esempio, società londinese, ha acquisito Clicca e Mangia a Milano, DeliveRex a Roma, HelloFood Italia e PizzaBo. Quattro società acquisite per 125 milioni di euro. Oggi 3.500 ristoranti in Italia utilizzano Just Eat. Solo PizzaBo nel 2015 aveva consegnato 3 milioni di pizze. Dato che le acquisizioni di questi gruppi sono in tutto il continente, in questo settore si evidenzia una competizione a livello europeo. Sempre nel settore alimentare il 2015 è stato l’anno del lancio di Amazon Prime Now per la consegna della spesa a Milano e in 34 comuni dell’hinterland. Lanciato in Italia a novembre 2015, permette l’acquisto di oltre 20 mila prodotti grocery e di altre tipologie, inclusi prodotti freschi, e da febbraio 2016 anche oltre 30 tipologie di frutta e verdura fresche. L’acquisto è possibile esclusivamente via mobile app, con consegna a domicilio dalle 8 a mezzanotte tutti i giorni della settimana, entro un’ora dall’acquisto in alcune zone e nella fascia oraria preferita dal cliente nelle altre zone.

Gli ultimi mesi hanno visto anche chiusure importanti come quella di PosteShop, confermando che sta giungendo al termine l’epoca delle sperimentazioni.

Il valore del fatturato e-commerce in Italia nel 2015 è stimato in 28,8 miliardi Euro, con una crescita del 19% sul 2014. L’e-commerce torna a crescere con una percentuale a due cifre, dopo due anni consecutivi di crescita inferiore al 10%.

Incremento del fatturato dell’ E-Commerc in Italia:
  • 2004: 1.645.683.000 Euro
  • 2005: 2.123.495.000 Euro  29 %;
  • 2006: 3.286.223.000 Euro + 55 %;
  • 2007: 4.868.336.000 Euro + 48 %;
  • 2008: 6.364.907.000 Euro + 31 %;
  • 2009: 10.037.544.000 Euro + 58 %;
  • 2010: 14.357.589.000 Euro + 43 %;
  • 2011: 18.970.504.000 Euro + 32 %;
  • 2012:21.154.120.000Euro +12%;
  • 2013: 22.337.275.000 Euro + 6 %;
  • 2014: 24.188.468.000 Euro + 8 %;
  • 2015: 28.850.766.000 Euro + 19 %.

Qui tutte le stime sull’ e-commerce …

Tutto chiaro? Sono i potenziali clienti che fanno la differenza!!!!!

Come aumentare le vendite online di un E-Commerce?

Per capire come aumentare le vendote online di un e-commerce, visitate questa sezione … qui.

Chi non dovrebbe realizzare un sito di Commercio Elettronico

Non dovrebbe realizzare un e-commerce chi pensa che NON sia un’ attività impegnativa da gestire. Come ogni negozio, anche un sito web per il commercio online richiede tempo e competenze. Lo stesso tempo e le stesse competenze che richiede un nogozio off-line.

Richiedici una consulenza gratuita … sia sulla realizzazione, sia nella gestione, sia nell’ ottimizzazione, sia nell’ organizzazione di un e-commerce … qui